Assegnati i premi Ucimu per 7 tesi di laurea

Sono 7 gli studenti premiati da FONDAZIONE UCIMU nell’ambito dell’iniziativa PREMI UCIMU per le migliori tesi di laurea dedicate all’industria italiana della macchina utensile.

La cerimonia di consegna degli attestati e dei premi si è svolta durante 30.BI-MU/SFORTEC INDUSTRY, biennale italiana dedicata a macchine utensili, robot, automazione, tecnologie ausiliarie, servizi per l’impresa, meccatronica e industria 4.0, in scena a fieramilano da martedì 4 a sabato 8 ottobre 2016.

Alla tavola rotonda, tenutasi sabato 8 ottobre e moderata da Ernesto Imperio, professore del Politecnico di Milano e ricercatore ITIA-CNR, sono intervenuti alcuni vincitori delle edizioni precedenti che oggi sono impegnati nel settore: Marco Barilari, R&D manager, Riva Cold; Elio Bergamaschi, PLM senior business analyst, Siemens; Simone Galbersanini, testing tecnology manager, AgustaWestland; Massimiliano Menegotto, managing director, NUM e CTO, NUM Group. La cerimonia è stata presieduta da Massimo Carboniero, presidente UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE e Alfredo Mariotti, direttore dell’associazione.

Ampio lavoro per la commissione giudicatrice dei PREMI UCIMU che quest’anno si è trovata a valutare 27 tesi dedicate al settore. “Un bel numero di candidature che dimostra l’interesse e l’attenzione dei giovani verso un settore che offre interessanti opportunità di occupazione e che è in continua evoluzione ” – ha dichiarato Massimo Carboniero.

Giunta alla sua 40esima edizione l’iniziativa PREMI UCIMU, che l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione riserva alle migliori tesi di laurea, di primo e secondo livello, è pensata per promuovere la conoscenza delle tecnologie e delle tematiche connesse con la produzione e l’utilizzo di macchine utensili, robot e sistemi di automazione, favorendo il collegamento tra università e impresa.

Sono tre le tesi di laurea specialistica premiate per la categoria “Impatto aziendale”.

Cristian Bettanin, Università degli Studi di Padova, facoltà di Ingegneria, prof. Filippo Berto, “Progettazione a fatica di giunzioni saldate di interesse industriale mediante approcci locali”. Tesi realizzata in collaborazione con Omera (Chiuppano, VI).

Emanuele Perazzoli, Politecnico di Milano, facoltà di Ingegneria industriale e dell’informazione,                prof. Matteo Strano, “Cryogenic machining: progettazione di un’attrezzatura di riconversione criogenica per centri di fresatura e test sperimentali di tornitura”. Tesi sviluppata con la collaborazione di Jobs (Piacenza).

Stefano Zaffaroni, Politecnico di Milano, Facoltà di Ingegneria, prof. Bruno Pizzigoni (con la collaborazione di Ambrogio Girotti), “Modellazione e controllo di servopresse di grandi dimensioni”. Elaborato sviluppato in collaborazione con Zani (Turate, CO).

Ad esse si aggiungono le tesi di laurea specialistica svolte da: 

Matteo Del Nero, Politecnico di Milano, School of Industrial and information engineering, prof. Alberto Biffi, “Laser cutting of superelastic nitinol for micro-devices”. L’elaborato è stato premiato per la categoria “Macchine utensili e sistemi produttivi: concezione, ingegnerizzazione, integrazione, tecnologie e applicazioni nella produzione industriale”.

Eros Monti, Università di Bologna, scuola di ingegneria e architettura, prof. Marco Carricato, “Performance analysis of 8-cable parallel robots under different control schemes”. Il progetto ha ricevuto il riconoscimento per la categoria “Robotica, Automazione e Tecnologia dell’Informazione e delle Comunicazioni: Applicazioni nella Produzione Manifatturiera”.

David Prelati, Università degli studi di Perugia, prof. Luca Landi, “Progettazione di sistemi integrati per macchine utensili energeticamente efficienti”. Tesi premiata per la categoria “Economia, Gestione, Organizzazione e Comunicazione nel settore della Macchina Utensile e dei Sistemi di Produzione Meccanica” e sviluppata in collaborazione con COMEV (Montevarchi, AR).

Il premio per la tesi di laurea triennale è stato invece assegnato a: Andrea Abeni, Università degli Studi di Brescia, Prof. Aldo Attanasio, “Ottimizzazione del modello di Johnson-Cook e del criterio di brozzo nell’ambito di operazioni di microfresatura per acciai 100Cr6”.

Alla presenza dei giovani neolaureati, Massimo Carboniero ha dichiarato: “l’iniziativa dei PREMI UCIMU, come del resto lo spazio Pianeta Giovani dedicato alle scolaresche in visita qui a 30.BI-MUSFORTEC INDUSTRY, sono testimonianza dell’impegno dell’associazione per favorire la collaborazione tra il mondo dell’industria e della scuola, con l’auspicio che questa sia sempre più intensa e proficua”.

Per la prossima edizione del concorso, la sfida si preannuncia più accesa che mai – ha aggiunto Massimo Carboniero – considerando che la cerimonia di premiazione si terrà nell’ambito di M&MT, il nuovo business event dedicato a motion, meccatronica, robotica, automazione, embedded electronics, robotica e a tutte le tecnologie riconducibili a Industria 4.0, che debutta a fieramilano Rho dal 4 al 6 ottobre 2017”.

Per l’edizione numero 41, restano invariate finalità e caratteristiche del concorso, che si rivolge agli studenti che avranno conseguito la laurea, o la laurea magistrale, nel periodo compreso tra luglio 2016 e giugno 2017, presso le facoltà di Ingegneria, Economia, Informatica, Disegno industriale e Scienze della Comunicazione di politecnici e università italiane. Sono ammesse al concorso anche le tesi svolte presso università straniere, purché sviluppate in collaborazione con imprese associate a UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE.

Articoli correlati

MEWATEX, il panno eco-friendly
Cresce l’industria italiana delle pompe
Preconsuntivo UCIMU – trend positivo, Industria 4.0 e la Cina il futuro