“Masterclass in Digital Transformation”

30 tra imprenditori e manager di grandi gruppi multinazionali – fra i quali Johnson & Johnson, Tetra Pak, Menarini, Michelin, Brembo, SITI Spa, Sew- eurodrive, Fameccanica, Arvedi, Manz Italia, CLA, Biesse, Solvay, Fabio Perini, Carpigiani, Zoppas, Marchesini, Lucart Group, ISPE Italia, Helsinn – si sono confrontati sull’impatto della trasformazione digitale sull’organizzazione aziendale.

Questo è quanto è avvenuto durante la prima edizione di “Masterclass in Digital Transformation” organizzata da Porsche Consulting in collaborazione con MHP, la società di consulenza IT del gruppo Porsche, a SPS IPC Drives Parma.

In dettaglio, attraverso un percorso di gamification basato su un modello di azienda, i partecipanti alla Masterclass, divisi in gruppi, sono stati guidati nell’implementazione di una strategia di trasformazione digitale di successo.

«In un’epoca in cui i mercati sono volatili, complessi» – afferma Giovanni Notarnicola, responsabile Digital Transformation Porsche Consulting in Italia. «anche i modelli di business devono essere in continua evoluzione e orientarsi verso un approccio da “ecosistema”. I nuovi scenari richiedono capacità di leadership orientate all’efficacia, che guidino gli individui e le organizzazioni verso un modello di apprendimento costante. L’abilità degli individui di cooperare, all’interno come all’esterno, con tutti i soggetti protagonisti, è ormai una caratteristica imprescindibile».

Se non è possibile parlare di un modello univoco e statico, esiste tuttavia una caratterista unica, che tutte le organizzazioni dovrebbero avere: l’essere ambidestri. «L’obiettivo del modello ambidestro – conclude Notarnicola – è rendere le aziende agili come start up, ma resilienti come multinazionali».

«Ogni giorno siamo protagonisti della trasformazione che le aziende attuano per adattarsi ai profondi cambiamenti dei mercati – afferma Gianni Di Loreto Associated Partner MHP Management & IT Beratung GmbH. Muoversi all’interno di contesti complessi e poco prevedibili spinge molte aziende ad adottare processi sempre più complessi e di difficile applicazione. Il percorso di trasformazione digitale può sicuramente rappresentare un valido supporto in questa transizione, a patto che le iniziative digitali si coniughino a delle logiche di snellimento dei processi e degli assetti organizzativi». «Sono felice di aver portato in Italia, unitamente a Porsche Consulting, la Masterclass in Digital Transformation» ha concluso Di Loreto «dopo averne verificato l’efficacia in aziende tedesche: rappresenta un’esperienza e un’occasione di riflessione e confronto su tutti questi aspetti con un approccio olistico».

«La collaborazione con Porsche Consulting – dichiara Francesca Selva, Vice President Marketing & Events Messe Frankfrut Italia si inserisce perfettamente nel progetto di SPS Italia per lo spirito di rinnovamento, indispensabile per poter cogliere le opportunità offerte dalla digitalizzazione nella produzione industriale. Confrontarsi con i principali player del mondo digitale, con fornitori di software industriale, installazioni di casi reali presenti sul mercato e professionisti di consulenza per l’adeguamento dell’organizzazione aziendale è fondamentale in questo processo evolutivo

Related Posts

L’Ammonitore di maggio
A Mecspe 2019 prende vita la digitalizzazione della macchina utensile secondo Siemens
Hannover Messe 2019: l’uomo e la macchina al centro