La nuova C 250 all’Open House Hermle

In anteprima la nuova C 250 alla tradizionale open house Hermle di primavera.

Con la C 250, presentata in anteprima all’open house Hermle di Gosheim, dal 20 al 23 aprile scorsi, l’azienda tedesca completa la C 400, introdotta sul mercato già a partire dal 2012, e stabilisce una serie propria, che viene collocata al di sotto della serie a due cifre con i modelli C 12, C 22, C 32, 42 C, C 52 e C 62, ma che non è seconda a questa praticamente in nessun aspetto, se non per la varianza della dotazione, il prezzo e, naturalmente, la denominazione. Come la C 400, la C 250 viene creata nella comprovata versione modificata a ponte mobile di Hermle e dispone di un bancale della macchina in ghisa minerale. Nella versione a 3 assi, la tavola portapezzo fissa integrata è in grado di accogliere pezzi fino a 1100 kg (600 x 550 x 450 mm). Nella versione a 5 assi, la tavola roto-basculante NC può essere usata per lavorare ad alta precisione pezzi fino a 300 kg (Ø 450 x 355 mm).

Le corse di lavoro, nella zona di lavoro rivestita in acciaio inox, sono pari a 600 x 550 x 450 mm con una distanza tavola-mandrino di 550 mm e un’apertura di porta di 688 mm. Condizioni ottimali per un caricamento della gru facile e sicuro.

La C 250 è dotata di un caricatore utensili integrato per 30 utensili. Facoltativamente, si possono adattare due caricatori addizionali con 50 o 88 posti utensili supplementari. Anche il pannello di controllo della C 250 può essere orientato facilmente verso il punto di caricamento utensile, in modo che l’operatore possa inserire i dati caratteristici dell’utensile direttamente nella tabella utensili dell’unità di comando.

La C 250 è dotata in serie dell’unità di comando Heidenhain TNC 640 e offre la completa funzionalità di programmazione di questo prodotto collaudato. Il pannello di controllo dispone di un grande schermo piatto a colori TFT da 19” e, opzionalmente, può essere equipaggiato con il pannello di controllo Komort regolabile in modo ergonomico. Le comprovate configurazioni di Hermle sono integrate nell’unità di comando e consentono all’operatore un supporto ottimale durante la lavorazione di varie operazioni di fresatura. Alla C 250 è garantito inoltre l’uso di HIMS (Hermle “Information Monitoring Software”).

In caso di necessità, è disponibile il “sistema diagnostico di manutenzione” (WDS) di Hermle, che controlla costantemente lo stato della macchina, permettendo una rapida diagnosi della macchina e una definizione degli interventi di manutenzione orientata alla condizione.

Related Posts

L’Ammonitore di maggio
INTEGREX j-200S esemplifica il concetto DONE-IN-ONE di Mazak
BIMU 2018 – le novità in fiera