Da Samag il nuovo centro di lavoro orizzontale a quattro mandrini

 Da Samag il nuovo centro di lavoro orizzontale a quattro mandrini

Cuore della quattro mandrini MFZ 4-4W (nella foto sotto)è l’unità a 3 assi con testa porta mandrino monoblocco. Questa è composta da un telaio mensole a Y estremamente stabile con slitta a croce piatta (slitta X), a cui è appesa la testa porta mandrino con i quattro mandrini motore raffreddati ad acqua. Rigidità e precisione elevate sono garantite dall’azionamento Gantry dell’asse Y verticale. La struttura concatenata della guida con distanze corte garantisce un flusso di forza ottimale.

Le corse sono di 225 mm in direzione X, 500 mm in direzione Y e di 450 mm per l’asse Z. Gli assi X e Y raggiungono 0,8 g, quello Z 1 g di accelerazione e una velocità del rapido di 60 m/min. La distanza tra i mandrini è di 3 x 225 mm. I mandrini raggiungono una potenza di azionamento di 20 kW e nella modalità operativa S1 una coppia di 72 Nm. L’intervallo di numeri di giri è regolabile in maniera continua da 50 a 15.000 min-1. Ogni mandrino è dotato di 20 postazioni magazzino per utensili HSK-A63. Il bancale macchina assicura, grazie al pieno con Hydropol, una dissipazione del calore ottimale e uno smorzamento delle vibrazioni ideale, che sono assolutamente necessari in particolare per la truciolatura pesante.

L’unità portapezzi è composta da un asse rotante a 180° per il caricamento e la lavorazione in parallelo durante il processo. Due assi orizzontali a 360° servono il portapezzo. In via opzionale il centro di lavoro può essere attrezzato anche con assi B. Per i dispositivi di serraggio e il loro monitoraggio sono disponibili dieci canali idraulici e pneumatici. Il posizionamento avviene tramite un sistema di misura diretto direttamente sull’asse rotante. Negli assi lineari il riconoscimento posizionale avviene tramite propri sistemi di misura assoluti. L’alto grado di dotazioni che la MFZ 4-4W offre già nell’esecuzione standard consente un’esatta pianificazione dell’investimento senza costi nascosti.

Nella serie MFZ si usano numerosi gruppi modulari che, grazie alla ridotta varietà di ricambi, contribuiscono a tempi di consegna brevi. L’assortimento comprende due serie, la MFZ4 e la MFZ6, ciascuna con esecuzioni a due, tre o quattro mandrini. Tutte si contraddistinguono per comando ergonomico, costi unitari minimi nonché per il caricamento e la lavorazione in parallelo durante la lavorazione.

 

Related Posts

L’Ammonitore di gennaio
L’Ammonitore di novembre/dicembre
L’Ammonitore di settembre