Export 2017: prevista un’ulteriore crescita per la meccanica

Dalle previsioni per l’export di tecnologie e impianti della meccanica fatte da Anima – Federazione delle Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica Varia ed Affine sulla base dei dati raccolti, il 2017 vedrà un’ulteriore crescita 

Il valore stimato è di 26,3 miliardi, superando i 26,1 del 2016, che aveva raggiunto a sua volta un +0,9% rispetto al 2015.

 

L’Ufficio studi Anima ha elaborato i dati di export di tecnologie e impianti della meccanica prendendo in esame i paesi verso i quali le esportazioni sono state sempre in crescita dal 2012 al 2015.

Nell’ultima colonna è riportata la variazione tendenziale al terzo trimestre 2016.

 

Ci sono conferme e rallentamenti.

«Se Germania, Francia, Regno Unito e Spagna mantengono un trend in costante aumento per i prodotti italiani, fanno al momento eccezione partner forti per la nostra economia come Stati Uniti e Arabia Saudita. – afferma Alberto Caprari, Presidente ANIMA, Federazione della Meccanica Varia di Confindustria – Anche se si tratta di volumi differenti di importazione, gli Stati Uniti hanno richiesto nel 2016 meno tecnologie italiane rispetto al 2015.  Il nostro Ufficio studi Anima stima infatti che il 2016 si chiuderà a quota 2,5 miliardi di euro di export vero gli Usa, in leggera flessione rispetto ai 2,6 miliardi di euro del 2015. Sono numeri che rimangono comunque rilevanti, soprattutto se consideriamo che nel 2012 esportavamo 1,8 miliardi di euro. Di strada negli Usa ne abbiamo pertanto fatta tanta, consolidandoci. L’Arabia Saudita, che è stata di recente in continuo aumento, nel 2016 ha subito una frenata. Il Regno Unito, a dispetto di ogni previsione brexit-pessimistica, si conferma un mercato primario per le tecnologie italiane, con ben 1,27 miliardi di euro esportati nel 2016».

 

Related Posts

Anima – Proposte operative al Governo per il sostegno del sistema produttivo
L’Ammonitore di gennaio
Anima – export in contrazione e produzione a rilento