Kuka a EMO Milano 2015

Inga Akulauskaite dell’Ufficio marketing intervistata per ammonitore.com su EMO Milano 2015.

Come valuta in generale il livello tecnologico di questa edizione di EMO Milano 2015?

Molto buono. EMO si è confermata fiera di riferimento nel settore delle machine utensili coinvolgendo i leader del mercato nei vari settori. Siamo orgogliosi di averne fatto parte.

Fatto 100 il numero di visitatori al vostro stand, in che percentuale erano stranieri? E da quali Paesi?

Il 55% dei visitatori erano stranieri. La maggior parte proveniva dalla Germania, a seguire Inglesi, Russi e Cinesi.

Quale prodotto ha riscosso maggiore interesse tra i vostri visitatori e perché?

Credo che la “star” della EMO sia stata KUKA.CNC. Oltre alle operazioni classiche di caricamento e prelievo, i robot vengono impiegati in misura crescente anche per compiti di lavorazione quali perforazione, fresatura o sbavatura. Per semplificare e rendere il più possibile funzionale la programmazione e l’integrazione del robot da parte dell’operatore, KUKA offre già da alcuni anni il pacchetto software KUKA.CNC. Questo software consente la programmazione diretta del robot in codice G, senza doverla tradurre nel linguaggio robot. In stretta collaborazione con Siemens è stato fatto quindi il passo successivo verso una programmazione dei robot KUKA per compiti di lavorazione.

 Ritenete positiva la vostra partecipazione in virtù dei contatti avuti?

Sicuramente sì, la manifestazione è riuscita ad attirare numerosi player del settore delle macchine utensili  molto importanti. Contatti ottenuti durante la fiera sono stati tanti, di alta qualità e siamo fiduciosi che porteranno grandi risultati.

 

 

Related Posts

Adattarsi agli eventi e prepararsi alla ripartenza
La nuova divisione Camozzi Machine Tools a EMO 2019
L’Ammonitore di Luglio