EMF, una società Turco/Tedesca nata nel 1960 con oltre 55 anni di attività, ha sviluppato un’innovativa serie di motori sincroni basati sul principio LIPROKA. I concetto di  base è avere un motore sincrono fino a 8 poli, per quanto riguarda lo statore. L’innovazione risiede nel rotore, caratterizzato da un alto numero di poli. Tramite magneti di alte prestazioni si ottiene un flusso magnetico estremamente performante. Quando si applica allo statore un campo magnetico rotante ne consegue una rotazione del rotore in senso contrario rispetto al campo magnetico, con una velocità ridotta secondo un rapporto dipendente dalla geometria elettromagnetica e dal numero di poli rotorici. Il risultato è una “riduzione elettromagnetica” tra velocità statorica e rotorica. La velocità di rotazione dell’albero rotorico potrà essere variata in modo continuo e preciso. La motorizzazione così ottenuta è a tutti gli effetti un motoriduttore gearless che rispetto ad un motoriduttore classico, è in grado di offrire maggiore efficienza energetica e giochi zero. Tipicamente l’efficienza dei motori EMF è del 98%. Si raggiungono coppie sino a 7500 Nm a 100 RPM. L’impiego di questa tipologia di motorizzazioni spazia dal converting, macchine flexo, estrusori, molding, conveyor.

Per informazioni: www.servotecnica.com

Related Posts

MECSPE si terrà dal 29 al 31 ottobre 2020
Luca Manuelli nominato nuovo Presidente del Cluster Fabbrica Intelligente
A Mecspe 2019 prende vita la digitalizzazione della macchina utensile secondo Siemens