Un 2016 ricco di novità per FAR

Questo inizio dell’anno vede l’uscita in contemporanea di  molti nuovi prodotti che la FAR, azienda bolognese nel mercato dal 1957, produttrice di sistemi di fissaggio meccanico, ha sviluppato per soddisfare le sempre più importanti necessità della clientela.

Del nuovo catalogo, che si distingue per la rinnovata veste, la facile ricerca dei prodotti ed i colori,  sono entrati a fare parte i rivetti multistadi in acciaio inox “PLUS INOX”, i rivetti ad alte prestazioni “TAMP AP”, gli inserti filettati inox a testa ridotta con gambo parzialmente esagonale cieco IEC. Il nuovo catalogo è stato arricchito anche da molti nuovi utensili come la rivettatrice manuale a bracci telescopici, mod. K33F, la rivettatrice oleopneumatica per rivetti strutturali mod. RAC172, e la tanto attesa dal mercato rivettatrice a batteria mod. EB400 accolta dalla clientela per la sua grande maneggevolezza e per le sue avanzate doti ergonomiche. Si tratta di una rivettatrice con corpo in plastica in grado di tirare, essendo dotata di tre morsetti ad alte prestazioni, rivetti in acciaio da 2,4 mm a 4,8 mm e rivetti in acciaio inox fino a 4 mm. Impiega una batteria Li-Ion 14,4 V e 3 A. Caratteristica interessante è che accetta gli stessi cannotti e gli stessi optionals della storica rivettatrice oleopneumatica mod. RAC180. Viene proposta al mercato con una batteria. Infine bello e sempre più strutturato, sia dal punto di vista commerciale, ma soprattutto tecnico/tecnologico, il sito della FAR www.far.bo.it che è stato completamente rinnovato, dal quale si possono scaricare tutti i cataloghi, anche quello dei ricambi. Un sito veramente ricco di informazioni, di video, di fotografie e di animazione sulle applicazioni. Una vera “miniera” di notizie utili per chi utilizza rivetti, inserti filettati, utensili ed accessori. E’ importante sottolineare che i prodotti della FAR sono tutti Made in Italy.

Pad.29 – Stand C24

Per informazini: FAR S.r.l. – tel. +39 0516006511

Related Posts

L’Ammonitore di Luglio
Numeri da record per l’edizione milanese di Lamiera
L’Ammonitore di maggio