Yamazaki Mazak a EMO Milano 2015

Multitasking e tecnologia additiva per Yamazaki Mazak a EMO Milano 2015.

A conclusione di EMO Milano 2015 abbiamo incontrato Ivan Verpilio Direttore marketing di Yamazaki Mazak Italia per avere un suo parere su EMO Milano 2015.

Dottor Verpilio, come valuta in generale il livello tecnologico di questa edizione di EMO Milano 2015?

I commenti generali sulla manifestazione sono senz’altro positivi. Se facciamo il paragone con l’ultima edizione di Hannover del 2013 ci sono stati più visitatori a fronte di un numero inferiore di espositori. Il contenuto tecnologico della manifestazione ruotava intorno alle macchine multifunzionali e all’introduzione sempre più massiccia di macchine per la fabbricazione additiva tra cui spiccava la nostra Integrex i- 400 AM.

Fatto 100 il numero di visitatori al vostro stand, in che percentuale erano stranieri? E da quali Paesi?

Direi che circa due terzi erano italiani quindi un po’ in controtendenza con i dati ufficiali della manifestazione che dicono che il 51% dei visitatori erano stranieri. Tra gli stranieri che hanno visitato il nostro stand c’è stata una netta predominanza di tedeschi seguiti da visitatori dell’Est Europa.

Quale prodotto ha riscosso maggiore interesse tra i vostri visitatori e perché?

Dopo 10 anni abbiamo presentato il nuovo controllo numerico Smooth di cui erano dotate ben 18 delle 22 macchine esposte. A esso abbiamo dedicato un’intera area interattiva del nostro stand con l’obiettivo di illustrarne le caratteristiche che lo proiettano nella nuova era di Industria 4.0. A tal proposito in Giappone verrà inaugurata a breve la iSmart Factory in cui macchine e sistemi di produzione sono interconnessi tra di loro, un passo in avanti notevole che richiederà, almeno in Europa e in particolare in Italia, un cambio culturale. Dopo il lancio del CNC SmoothX, inaugurato a maggio presso la sede europea di Worcester, Mazak in EMO ha presentato le versioni SmoothG e SmoothC. Ha destato molto interesse anche la macchina con tecnologia ibrida Integrex i- 400 AM grazie alla quale si possono eseguire non solo lavorazioni meccaniche ma anche produzione additiva. Questa tecnologia può essere utilizzata per rivestire una vasta gamma di materiali diversi, tra cui acciaio inossidabile, leghe di nichel e rame, e ciò la rende rende ideale per un’ ampia serie di applicazioni, dal riparare componenti usurati o danneggiati esistenti, all’aggiungere caratteristiche fondamentali fino ad arrivare alla vera e propria generazione di nuovi particolari.

In definitiva possiamo ritenerci molto soddisfatti della partecipazione a EMO Milano 2015 arricchita anche da due eventi serali fuori-fiera, uno dedicato alla stampa e uno per i clienti provenienti da tutto il mondo. Abbiamo inoltre organizzato un aperitivo presso il nostro stand: un evento nuovo ed esclusivo che si è rivelato efficace per entrare in contatto con i clienti esistenti e potenziali, coinvolgendoli all’interno di un’atmosfera piacevole e conviviale.

 

Related Posts

L’Ammonitore di gennaio
Weerg – con ProX SLS 6100 nuovo colore alla stampa 3D
L’Ammonitore n.5 giugno 2019